Homepage Popolari Wonews
Animali
Persone
Celebrità
Tecnologia
Scienze
Società
Storia
Cibo
Mondo
Piante
Serie tv e Cinema
Seguici sui social
WORLD OPEN NEWS

Diogene il Cinico fu un filosofo greco: convinto che gli umani vivessero in modo artificiale e ipocrita, rifiutò ogni convenzione sociale e visse "come un cane"

Pubblicato il 05/02/2018 alle 19:48
Fonte: Wikipedia
Diogene di Sinope è anche passato alla storia come "il Cinico", o "il Socrate Pazzo".
Era un filosofo greco vissuto tra il 412 a.C (o il 404) e il 323.
Della sua vita racconta lo storico (suo omonimo) Diogene Laerzio.

Diogene rifiutava ogni convenzione sociale e ogni tabù, e più in generale considerava la società come una costruzione artificiale, non compatibile con la bontà dell'uomo e con la moralità. Predicava il bisogno di un ritorno alla natura, a tal punto che arrivò, come dissero i suoi detrattori, a vivere "come un cane".
Viveva in una botte e soddisfaceva in pubblico ogni suo bisogno fisiologico, compresi quelli sessuali.

Ma Diogene era anche conosciuto come un individuo dalla grande ironia e dallo spirito molto acuto, propenso agli scherzi e dalla risposta pronta.
Si dice che durante un banchetto gli gettarono degli ossi, prendendolo in giro per la sua condizione di cane. Così, come un cane, Diogene gli urinò addosso, prima di andarsene.

Tra alcune delle sue prese in giro più famose, c'è quella che fece a un arciere che continuava a mancare il bersaglio: Diogene si sedette accanto al bersaglio, sostenendo che era il posto più sicuro per non essere colpiti.
Una volta che Diogene chiese l’elemosina ad un uomo scorbutico, questo si disse: "Lo farò se mi persuaderai a farlo". E Diogene risposte: "Se io potessi persuaderti, ti avrei già persuaso da un pezzo ad impiccarti".
Quando vide il figlio di una prostituta lanciare sassi sulla folla, gli disse: "Stai attento, potresti colpire tuo padre".

diogene di sinopediogene di sinope
Non perderti neanche un articolo, seguici su Facebook!